mercoledì 21 ottobre 2009

Virginia addio

Gli ultimi sondaggi non lasciano più speranze ai Democratici. La Virginia conferma la decennale preferenza per i governatori di un partito opposto a quello del presidente.

2 commenti:

gio88 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
gio88 ha detto...

Beh, bisogna anche tener conto che si usciva da otto anni di governo Democratico, quindi è anche ovvio che i Repubblicani rappresentino in maniera migliore le istanze di cambiamento. Credo che però i tre test di Novembre (Virginia, New Jersey e New York City) abbiano valenza prevalentemente locale. Certo, un 3-0 Repubblicano non sarebbe un buon segnale per Obama, ma sappiamo bene che le elezioni locali negli USA, specie quando non coincidono con le presidenziali, sono influenzate da fattori locali, ed è sempre molto difficile vedere lo stesso partito al governo di uno stato per più di due mandati di fila. Insomma, se sarà 3-0 per il GOP, io non esulterò, e tu non dovrai "deprimerti". Invece attendo con impazienza le elezioni del 2010, specie quelle dei governatori che saranno un vero spasso con ben 20 open seat, quant'era che non si vedeva una roba del genere? Sulla Camera e sul Senato non nutro grandissime speranze di ribaltone, inoltre al senato il GOP sembra non essere in grado di convincere i suoi pezzi da 90 a candidarsi (Ridge in PA, Pataki a NY, Heller in NV, Fedele in CT, Huckabee in AR, Castle in DE, Owens in CO, Thompson in WI. Questa per il GOP al Senato sarà l'elezione delle occasioni perse)